Canti d’Avvento a Salisburgo

Canti D`Avvento Salisburgo

 Dicembre 2016

Salisburgo è famosa in tutto il mondo come città natale di Wolfgang Amadeus Mozart, per la sua straordinaria bellezza architettonica e come città culturale per eccellenza che funge da palcoscenico per numerose manifestazioni. Nel 1997 l`intero centro storico della città è stato dichiarato “Patrimonio culturale mondiale” dall` UNESCO per la sua straordinaria bellezza architettonica, la sua omogeneità e per i suoi numerosi monumenti culturali degni di essere salvaguardati. Capoluogo dell`omonima regione, Salisburgo è comodamente raggiungibile da ogni punto cardinale grazie alla sua favorevole posizione geografica. La città conta 147 000 abitanti ed è sede di numerosi uffici del mondo laico e del mondo religioso. Città rilassante ed elegante, rimane una tra le destinazioni preferite dagli amanti dell`arte e della cultura.
Sorge sul fiume Salzach, ed é dominata dall` antico castello. Sicuramente durante il periodo dell`avvento la Città di Salisburgo assume un fascino particolare con un`atmosfera romantica.

La Cappella Musicale della Cattedrale di Genova ha partecipato ad un week-end d`avvento a Salisburgo, pieno di tradizioni e profumi natalizi. Durante il soggiorno ha eseguito un concerto d`avvento insieme ad una corale locale e ha cantato al tradizionale mercatino di natale davanti al Duomo di Salisburgo o al Castello di Hellbrunn.

Abbiamo chiesto ad alcuni coristi di esprimere il proprio parere su questa piccola iniziativa e ne pubblichiamo qui sotto i loro pensieri.

Francesca Bagnasco (Soprani):

In un coro, si sa, tutte le voci cantano all’unisono come se fossero una cosa sola, tutte vanno in un’unica direzione come in un viaggio che, nel nostro caso, ci ha portati a Salisburgo, la patria di grandi musicisti come Mozart. 
A nome di tutti i soprani che hanno partecipato, posso affermare che è stata un’esperienza molto intensa sia dal punto di vista umano perché ci ha permesso di rafforzare le amicizie e l’unità all’interno del nostro gruppo e di condividere momenti conviviali con altri cori, sia dal punto di vista musicale perché ci ha dato l’occasione di confrontarci con altre realtà corali diverse dalle nostre e che sono comunque per noi motivo di arricchimento culturale.
Marta Gaggero (Contralti):
Prima di tutto un doveroso ringraziamento a Gian per averci portato a vivere questa esperienza ed a Fabrizio per l’ottima organizzazione. Per noi contralti penso che questa esperienza ci abbia unite ancora di più, finalmente le nostre ragazze hanno fatto vedere chi sono!!!!!!
Spero che il nostro gruppo continui a crescere e ad essere più consapevole del proprio valore non solo canoro ma anche e soprattutto umano.
Lorenzo Andrianopoli (Bassi):
Esperienza musicale, ma soprattutto di grande coesione fra i coristi e i loro familiari. La città asburgica ci ha visto protagonisti di due belle esibizioni, col contorno di una mini vacanza in ottima compagnia. Assolutamente da riproporre, magari in un periodo dell’anno climaticamente più clemente.

I commenti sono chiusi.